R-Z

05ott 2015

I reati ambientali (v. voce Catalogo dei reati presupposto: Reati dolosi e colposi), presi in considerazione dall’art. 25-undecies, possono riguardare trasversalmente sia la piccola sia la media e grande impresa. Essi possono essere di natura dolosa o di natura colposa. (Sul tema v. ASSONIME, Circolare n. 15/2012, «Reati ambientali e responsabilità amministrativa degli enti»). Il […]

05ott 2015

I reati contro la pubblica amministrazione previsti dagli articoli 24 e 25 del d.lgs. 231 del 2001 costituiscono il nucleo originario del catalogo degli illeciti che possono dar luogo alla responsabilità amministrativa dell’ente e rappresentano la matrice storica dell’introduzione di tale forma di responsabilità nel nostro ordinamento. E’ noto infatti che il decreto 231 fu […]

05ott 2015

L’art. 25-septies del d.lgs. n. 231/2001 è stato aggiunto dall’art. 9, comma 1, legge n. 123/2007, poi sostituito dall’art. 300, comma 1, del d.lgs. n. 81/2008 (T.U. sicurezza sul lavoro). Tale disposizione ha introdotto nel catalogo degli illeciti presupposto della responsabilità amministrativa degli enti i reati di omicidio colposo e lesioni personali colpose (artt. 589 […]

05ott 2015

L’introduzione dell’art. 25-opties nel sistema del d.lgs. n. 231/2001, operata dall’art. 63 del d.lgs. 21 novembre 2007, n. 231, ha dilatato l’ambito applicativo della responsabilità da reato degli enti ai delitti di ricettazione (art. 648 c.p.), riciclaggio (art. 648-bis c.p.) e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita (art. 648-ter c.p.). La novella […]

05ott 2015

L’introduzione dell’art. 25-ter, nel sistema delineato dal d.lgs. n. 231/2001, ha rappresentato, nel panorama della responsabilità amministrativa degli enti, il primo momento di arricchimento della normativa, la cui applicazione, prima di allora, era circoscritta a un catalogo di reati-presupposto limitato. Si tratta di una modifica rilevante, in quanto i reati societari possono rappresentare la tipica […]

05ott 2015

Un’importante integrazione alla parte speciale del d.lgs. n. 231/2001 è stata attuata con l’introduzione dell’articolo 25-sexies, che individua il reato di abuso di informazioni privilegiate e di manipolazione del mercato come reati-presupposto per la responsabilità dell’ente. L’applicazione del d.lgs. n. 231/2001 agli abusi di mercato allarga quindi l’ambito di operatività della disciplina. L’occasione è stata […]

05ott 2015

Il delitto di aggiotaggio, disciplinato dall’art. 2637 c.c., è previsto, nel sistema ex d.lgs. n. 231/2001, all’art. 25-ter, quale reato-presupposto. Tale reato ricopre un ruolo primario nel panorama della responsabilità amministrativa degli enti. Questa circostanza è avvalorata da una recente pronuncia della Suprema Corte (Cass. Pen., Sez. V, 30 gennaio 2014, n. 4677), che – […]

05ott 2015

In assenza di una previsione espressa nel decreto 231 ci si domanda se la cancellazione dai registri pubblici di una società a cui consegue l’estinzione irreversibile della società, determini, a favore dello stesso ente, anche l’estinzione della responsabilità ex d.lgs. n. 231/2001. Sul punto, è intervenuto il Tribunale di Milano (Trib Milano, sent. 20 ottobre […]

05ott 2015

Una delle questioni più controverse nell’ambito della disciplina 231 è quella relativa al rapporto tra la responsabilità dell’ente e la responsabilità dell’autore del reato. Emerge in modo inequivoco dalla Relazione Ministeriale al d.lgs. n. 231/2001, che l’ente risponde del reato a titolo autonomo di responsabilità. La giurisprudenza di legittimità ha rilevato come l’illecito amministrativo ascrivibile […]

05ott 2015

Il d.lgs. n. 231/2001 ha introdotto una disciplina specifica delle sanzioni sia in ordine ai presupposti per l’applicazione delle stesse sia al procedimento applicativo. Esse possono essere disposte come misure cautelari o come sanzioni. Il sistema sanzionatorio delineato nel d.lgs. n. 231/2001 prevede una fondamentale distinzione tra sanzione pecuniaria e sanzione interdittiva A questa bipartizione […]

06ott 2015

La generica formulazione dell’articolo 1 del decreto ha sollevato la questione se possano ritenersi escluse dall’applicazione della disciplina 231 anche le società a partecipazione pubblica. Tali società si caratterizzano per la loro natura ibrida, coesistendo in esse elementi di natura privatistica – quali la forma societaria e il fine di lucro perseguito – ed elementi […]

06ott 2015

Al d.lgs. n. 231/2001 sono assoggettate anche le società straniere che operano in Italia, così come le multinazionali (Trib. Milano, sent. 4 febbraio 2013, n. 13976; Trib. Milano, ord. 13 giugno 2007). Il sistema delineato dal d.lgs. n. 231/2001 è chiarissimo nello stabilire che una volta accertato il reato-presupposto il giudice ha competenza a conoscere […]

06ott 2015

La questione relativa al ruolo assunto dal criterio del vantaggio nel giudizio di responsabilità dell’ente nasce dal fatto che se è vero che l’interesse o il vantaggio devono ritenersi criteri tra loro alternativi, la sussistenza anche del solo requisito del vantaggio dovrebbe essere sufficiente a fondare la responsabilità dell’ente. Tuttavia, questa tesi incontra un limite […]

06ott 2015

Pochissimi giudizi hanno avuto come oggetto principale l’idoneità dei modelli organizzativi (v. voce MODELLI ORGANIZZATIVI) e solo incidentalmente si è guardato al ruolo in concreto svolto dall’OdV, per cui permangono le incertezze sulla natura della figura e sui rapporti con gli altri attori dei controlli interni. Il dibattito sul punto è tutt’ora acceso, specie a […]